Appel à communications et contributions visuelles: « Visualità e (anti) razzismo / Visuality and (anti) racism » (InteRGRace, Université de Padoue)

Lien: http://www.intergrace.it/?page_id=420

Keynote speakers

Monica Moreno Figueroa – University of Cambridge

Anna Scacchi – University of Padova

The second symposium of InteRGRace – Interdisciplinary/Intersectional Research Group on Race and Racisms (FISPPA, University of Padua) focuses on the relationship between visuality and ‘race’, visibility and (anti)racism: it intends to explore the importance of visualisation e of counter-visuality (Mirzoeff 2011) both in the practices that constitute, assign and incorporate race and whiteness, and in those by racialized subjects resisting the hegemonic and racist aesthetic codes.

Leading from what Shawn Michelle Smith has said about the relationship between Visual Studies and Critical Race Studies, the symposium aims to think about ‘race’ as a visual cultural dynamics: not as the object of the gaze, but as the subjective status generated by the performance of the same gaze. In this sense, race and gaze correspond to those social and cultural dynamics which produce both the objects of a racialized vision and the subject of such a vision.

The symposium will maintain Italy at the core of its reflections, but this geographical focus will be positioned in the context of the transnational trajectories in which the materials that substantiate the (visual) regimes that produce and signify race are built.

The angle will thus be that of a reading of the historical, social and cultural specificity of the Italian case, keeping an eye on the common dynamics and on the geographical and historical fractures around the discourse of race.

Following an intersectional perspective that positions the gaze, the subject that sees, the one assigned with race, and the one who embodies and/or resist it, along gender, class, colour and sexuality lines, the symposium aims to encourage a multifaceted and interdisciplinary approach, able to understand genealogies, meanings and material consequences of racialised visual codings. Historically, the ‘regimes of truth’ (see Judith Butler 1993) representing the colonial Self and its Others, where the latter corespond to the monstrous, were established through visuality and the repetition of models of visual representations in which ‘what you see corresponds to the truth’ (see for example the studies for the Pacific and India by Tracy Banivanua Mar and Radhika Mohanram respectively, and Sòrgoni for the translation in Italy of the image of the Hottentot Venus).

At the beginning of the twentieth century African-American intellectual W.E.B. Du Bois critically explored the link between the gaze that disciplines and naturalises monstrosity and double consciousness. Fifty years later Franz Fanon devoted to the issue one of the most important chapters of his Black skin, white masks (1952).

Soon after, the emancipatory and anticolonial movements of the second half of the twentieth century focused on the issue of visibility as an instrument of opposition to a cultural hegemony which assigns inferiorising meanings to a certain ‘appearance’. Twenty years later, from the late Eighties, Fanon’s reflections on the visual construction ‘of the black man’ [the fact of blackness] are taken up by black and postcolonial feminists: their critique goes on to examine the many orientalisms present in colonial aesthetics and white hegemony.

Since then a variety of racialized representations coded in imperial drawings and paintings, ‘ethnographic’ photographs, cinema, advertising, sport and fashion magazines, all become research materials (see for example the work of Stuart Hall, Shirley Tate, Monica Moreno Figueroa, Diana Poole, James R. Ryan and, with regards to Italy, the work, among others, by InteRGRace, Liliana Ellena, Anna Scacchi, and Leonardo de Franceschi).

Today the relationship between visuality, visibility and race is at the centre of many of the reflections of black and postcolonial feminists, engaged in both a close analysis of (racialised) cultural hegemony, and its counter- (aesthetic/visual) discourse (see the significant academic production within the field of Beauty Studies, popular especially in the United States and United Kingdom, but with important examples also in Australia and Asia. For Italy see, for example, the work of Annalisa Frisina).

The legacy of these studies – in terms of approaches and methods – will guide us in mapping the relationship between visuality, visibility and the intersectional constructions of race and whiteness. This mapping will bring together all disciplinary fields, in the Humanities, Social Sciences and so-called hard sciences.

The common approach will be that of leading from an idea of race as a social construction and sematic field which is never foreclosed once and for all, resulting from the sedimentation over time of racialized images and imaginations both locally and transnationally.

***

The symposium opens the second and third sessions – out of the four that form it – to external contributions.

The second section (21 January afternoon) will be built through a call for papers. The selected papers, which can be presented either in English or in Italian, will compose one or two consecutive panels, for a total number of 6-8 papers of 15 minutes each plus discussion.

The third section (22 January morning) will be built through a call for visual contributions in Italian and English carried out by artist and scholar activists. The productions can be either in the field of visual arts or of performative arts.

Abstract – of a maximum length of 200 words preferably in Italian or English – need to be submitted to intergraceitaly@gmail.com by 15/11/2015.

—–

Relazioni plenarie

Monica Moreno Figueroa – Università di Cambridge

Anna Scacchi – Università di Padova

Il secondo simposio di InteRGRace – Interdisciplinary/Intersectional research group on Race and Racisms (FISPPA, Università di Padova) si concentra sul rapporto tra visualità e ‘razza’, visibilità e (anti)razzismo: esso si propone di esplorare l’importanza della visualizzazione e della controvisualità (Mirzoeff 2011) nelle pratiche sia di costituzione, assegnazione ed incorporamento della ‘razza’ e della bianchezza,sia di resistenza ai codici estetici egemonici e razzisti da parte dei soggetti razzializzati.

Partendo da ciò che ha affermato Shawn Michelle Smith a proposito del rapporto tra Visual Studies e Critical Race Studies, il simposio vuole pensare alla ‘razza’ come visual cultural dynamics: non come l’oggetto dello‘sguardo’, ma come status soggettivo generato dalla performance di quello stesso sguardo. In tal senso, ‘razza’ e sguardo corrispondono a quelle dinamiche sociali e culturali che producono sia gli oggetti di una visione razzializzata sia i soggetti di tale visione.

Pur restando, l’Italia, al centro delle riflessioni, quest’ultima verrà collocata nell’orizzonte delle traiettorie transnazionali in cui vengono costituiti i materiali che sostanziano i regimi (visuali) che producono e significano la ‘razza’.

La prospettiva sarà dunque quella di una lettura della specificità storica, sociale e culturale italiana con uno sguardo a dinamiche comuni e alle fratture storiche e geografiche del discorso sulla ‘razza’.

Muovendoci nel solco di una prospettiva intersezionale che posiziona il genere, la classe, il colore e la sessualità di chi parla la ‘razza’ e di chi è detto/a incarnarla, il simposio vuole stimolare uno sguardo multiprospettico ed interdisciplinare, in grado di cogliere genealogie, significati e effetti materiali dello sguardo.

Storicamente, è mediante la visualità e la reiterazione di modelli di rappresentazioni visive in cui ‘ciò che si vede corrisponde al vero’, che sono stati costruiti quei ‘regimi di verità’ (si veda Judith Butler 1993) che hanno diviso il mondo coloniale nelle due sfere del Sé e degli Altri e assegnato al secondo lo status del mostruoso (si vedano, ad esempio, gli studi per il Pacifico e l’India rispettivamente di Tracy Banivanua Mar e Radhika Mohanram e Sòrgoni per la traduzione in Italia dell’immagine della Venere ottentotta).

All’inizio del Ventesimo secolo fu l’intellettuale afroamericano W.E.B. Du Bois ad esplorare criticamente la connessione tra sguardo che disciplina e naturalizza, mostruosità e doppia coscienza, questione a cui Frantz Fanon, cinquant’anni dopo, dedicherà uno dei capitoli più significativi del suo Pelle nera, maschere bianche (1952). Poco più tardi, saranno i movimenti emancipazionisti e anticoloniali della seconda metà del Ventesimo secolo a porre al centro la questione della visibilità come strumento di contrasto all’egemonia culturale che assegna significati inferiorizzanti ad una determinata ‘apparenza’. Vent’anni dopo, a partire dalla fine degli anni Ottanta, sarà il recupero della riflessione fanoniana sulla costruzione (anche) visuale ‘dell’uomo nero’ [the fact of blackness] a stimolare l’esame dell’orientalismo all’interno dell’estetica coloniale e dell’egemonia bianca da parte della critica femminista nera e postcoloniale.

Materiali di ricerca sono allora divenute le rappresentazioni razzializzate nei disegni e nei dipinti imperiali, nelle fotografie ‘etnografiche’ così come nel cinema, nell’industria pubblicitaria e nelle immagini di copertina di giornali sportivi e riviste di moda (si vedano, ad esempio, i lavori di Stuart Hall, Shirley Tate, Monica Moreno Figueroa, Diana Poole, James R. Ryan e, per l’Italia, i lavori, tra gli altri, di InteRGRace e di Liliana Ellena, Anna Scacchi e Leonardo de Franceschi).

Oggi il rapporto tra visualità, visibilità e ‘razza’ è al centro di molta riflessione del femminismo postcoloniale e nero, impegnato nella decostruzione del pensiero egemonico da un lato, e nel fare emergere l’agency femminile nella costruzione di codici estetici differenti (si veda la cospicua produzione accademica all’interno dei Beauty Studies, diffusi soprattutto negli Stati Uniti e in Gran Bretagna, ma con importanti esempi anche in Australia e in Asia. Per l’Italia si veda, ad esempio, il lavoro di Annalisa Frisina).

Il lascito di questi studi – in termini di approcci e metodi – ci guiderà in una mappatura della relazione tra visualità, visibilità e costruzioni intersezionali della ‘razza’ e della bianchezza in grado di far dialogare tutti gli ambiti disciplinari, sia all’interno delle scienze umane, sia delle scienze sociali e delle cosiddette scienze dure.

La prospettiva comune sarà quella che parte da un’idea della ‘razza’ come costruzione sociale e come campo semantico mai conchiuso una volta per tutte, risultato della sedimentazione nel tempo di immagini e immaginari razziali locali e transnazionali.

***

Il simposio apre la seconda e la terza – delle 4 di cui si compone – a contributi esterni.

La seconda sezione (pomeriggio del 21 gennaio) verrà costruita mediante call for papers. I papers selezionati, che possono essere presentati sia in inglese sia in italiano, andranno a comporre 1 o 2panel consecutivi per un numero complessivo di 6-8 papers di 15 minuti ciascuno e discussione.

La terza sezione (mattina del 22 gennaio) verrà costruita attraverso la call for visual contributions in italiano e in inglese realizzati da artisti e ricercatori attivisti. Le produzioni potranno essere sia nell’ambito delle arti visuali sia in quello delle arti performative.

Termine per l’invio all’indirizzo intergraceitaly@gmail.com degli abstract preferibilmente in italiano o in inglese, di massimo 1500 caratteri spazi inclusi: 15/11/2015.

Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *


En collaboration avec